Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Anna Maria Carpi


La mia lingua è inattuale?
Io piaccio
a giovanissimi ignoti che mi scrivono
su facebook. Quale faccia,
se ogni giorno la cambiano.
E perché piaccio? Perché parlo semplice?
Sentono in me a distanza
il cucciolo pezzato
che fa salti e che abbaia
perché, lui così crede,
la poesia emana dalla vita?

Poi sparsi non datati ho dei seguaci
seri nerobarbuti
che ancora guardano alla montagna sacra
dove senza di noi,
dissennata, da sé,
la lingua compie ancora dei prodigi.

Poi vedo che mi apprezzano
i fermi
i senza fede,
sono onesti e di solida cultura
e credono all'io interno, solitario.

E poi ci sono i vecchi,
voglio dire i nati nei Cinquanta
o nei Sessanta, che in molti già si sentono
nel vento della morte. Così presto, perché?
Sono loro i compagni che vorrei
ma quel che in me gli manca è la bravura
di far misteri fra parola e cosa.

Qual è stato il mio tempo? Io non lo so.




Poesia n. 348 Maggio 2019
Anna Maria Carpi. "Far misteri fra parola e cosa"
a cura di Enzo Rega





   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277