Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Gennaio 201
8 Poesia compie 30 anni
e festeggia con un numero speciale



José Hierro

Destino allegro

Ci hanno abbandonato a mezzo del cammino.
Tra la luce andavamo ciechi.
Siamo uccelli di passo, nuvole alte estive,
vagabondi eterni.
Brutta gente che passa cantando per i campi.
Benché il cammino sia aspro e siano duri i tempi,
cantiamo con l’anima. E non c’è un uomo solo
che capisca la viva ragione del nostro canto.

Viviamo e moriamo vite e morti altrui.
Sulle nostre schiene pesano molto i morti.
Il loro profondo grido ci chiede di morire un po’,
come morirono tutti loro,
di vivere in fretta, bruciando follemente
la vita che loro non vissero.

Fiumi furiosi, fiumi torbidi, fiumi veloci.
(Ma nessuno ci misura il profondo, bensì lo stretto.)
Mordiamo le rive, demoliamo i ponti.
Dicono che andiamo ciechi.

Ma viviamo. Trasportano le nostre acque l’essenza
delle morti e delle vite dei vivi e dei morti.
Vedete se è buona allegria sapere a scienza certa
che siamo nati per questo.

Traduzione di Alessandro Ghignoli

Poesia n. 333 gennaio 2018
30 anni
La nostra storia in versi

Fondazione Poesia Onlus 2018

 




 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277