Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

Yves Bonnefoy

L’abito

Nevica. Che volevi tu, anima,
Di nascita eterna, che non abbia avuto?
Guarda, tu hai qui
Una veste di festa ancora per la morte.

Un abito come nell’adolescenza,
Di quelli che uno prende con cura in mano
Poiché la stoffa è trasparente e resta
Tra le dita che la svelano alla luce,
Si sa che è fragile come l’amore.

Ma foglie e corolle vi sono ricamate
E già la musica si intende
Nella stanza vicina, illuminata,
Un misterioso ardore ti prende la mano.

E vai, il cuore ansimante, nella grande nevicata.

Traduzione di Davide Bracaglia


Poesia n. 45 novembre 1991.
L'esilio e il sacrificio di Yves Bonnefoy
a cura di Davide Bracaglia


 







   
   

Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277