Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Ángel González

Avvenire

Ti chiamano avvenire
perché non vieni mai.
Ti chiamano: avvenire,
e sperano che tu venga
come docile animale
a mangiare nella loro mano.
Ma tu resti fermo
oltre le ore,
acquattato non si sa dove.
... Domani!
E domani sarà un altro giorno tranquillo,
un giorno come oggi, giovedì o martedì,
qualsiasi cosa e non quello
che ancora aspettiamo, ancora, sempre.

Traduzione di Gabriele Morelli

Poesia n. 228 Giugno 2008
Ángel González. Altro tempo verrà diverso da questo
a cura di Gabriele Morelli





 

   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277